LA SCELTA CHE MI CAMBIERÀ LA VITA

Mariachiara Barra

 

Ho iniziato la mia esperienza di volontaria per il Servizio di Volontariato Europeo poco più di un mese fa e già la Polonia è il mio paese, Katowice la mia città e i polacchi amici miei.

Sono partita da Milano con tante aspettative e diversi timori: lasciare la propria casa, la famiglia, il lavoro per partire per un anno è un passo decisamente coraggioso e sono fiera di averlo compiuto. Qui, a Katowice, lavoro per l’Associazione Bona Fides, grazie alla quale ogni giorno ho la possibilità di svolgere diversi compiti collaborando con un asilo, una scuola e un centro per bimbi disabili. Cuciniamo per i bambini, insegniamo lingue straniere in un centro studi e monitoriamo l’accessibilità di servizi del trasporto pubblico per i turisti. Con un collega spagnolo, inoltre, sto lavorando ad un progetto europeo per organizzare un interscambio culturale che, se andrà in porto, gestiremo completamente. Questa esperienza mi permette di acquisire diverse competenze in svariati campi, e mi consente di esercitare le lingue straniere che ho studiato. A Katowice, ogni settimana si organizzano “serate linguistiche”, in cui l’unica regola è parlare la stessa lingua, seduti attorno a un tavolo e gustando ottima birra polacca. Ce ne sono in tutte le lingue: italiano, inglese, francese, ceco, russo, spagnolo…! Tutti i giorni mi alzo e mi immergo in un ambiente multiculturale e internazionale che mi permette di apprendere a 360°, divertendomi e crescendo.

Sto imparando a vivere senza l’appoggio dei miei genitori, a badare alla mia nuova casa, a gestire il mio tempo e il mio denaro, a convivere con persone di culture e mentalità diverse. Il nostro è uno scambio proficuo reciproco: imparando da loro, modifico il mio modo di vivere e, nello stesso tempo, apportando elementi della mia cultura e del mio paese di origine, modifico il loro.

Ogni giorno speso qui rappresenta un grande arricchimento per me, da ogni punto di vista. Katowice è casa mia e i polacchi sono un popolo meraviglioso, che ha saputo accogliermi con dolcezza e disponibilità. Non mi sento mai sola qui, ho tanti amici e colleghi che sono pronti a darmi una mano in qualsiasi situazione. L’Associazione in cui lavoro si prende cura di noi volontari, supportandoci ed esortandoci ad avere sempre idee nuove, a prendere l’iniziativa e a metterci in gioco. L’ambiente in cui lavoro è accogliente e in ufficio mi sembra di stare in mezzo ad amici, più che a semplici colleghi.

Se ora mi fermo un secondo a pensare al mio primo mese e mezzo qui, sento una sensazione strana: da una parte, mi sembra incredibile che già siano passati così tanti giorni dal mio arrivo qui, dall’altra ho l’impressione di essere qui da una vita. Certo, il cibo non ha nulla a che vedere con quello italiano, che un po’ mi manca, ed il tempo atmosferico a volte mi fa impazzire!… Però sono davvero contenta di aver fatto questa “scelta coraggiosa”, che mi ha portata in un nuovo paese, in mezzo a nuove persone, per cominciare una nuova esperienza. Sì, sono felice e soddisfatta! Non chiedo di più, anzi, consiglierei a tutti di intraprendere un’avventura come la mia, attraverso il Servizio di Volontariato Europeo!