Il mio SVE si è svolto grazie all’Associazione Arci Strauss, dal 1 Settembre 2014 al 12 Agosto 2015 all’interno di una scuola elementare di Colonia, Germania. Il mio incontro diretto con l’Associazione è avvenuto qualche settimana prima della mia partenza, poiché non essendo nelle vicinanze di Mussomeli, mantenevo i contatti solo tramite email. Quando mi sono recata per la prima volta in ufficio, la signora Nuccia mi ha spiegato tutto ciò che concerne il servizio del volontario europeo, quale sarebbe stata la mia associazione all’estero, chi mi avrebbe accolto all’arrivo in aeroporto, la camera dove avrei vissuto, ma specialmente il ruolo che avrei assunto all’interno del mio progetto. Inizialmente ero molto emozionata e pronta ad affrontare tutto ciò, ma al mio arrivo purtroppo ho realizzato che sarebbe stato difficile integrarsi in una nazione totalmente diversa, con una lingua totalmente differente e con delle persone sconosciute. Infatti i primi giorni sono stati molto difficili a causa della lingua, poiché gli altri volontari parlavano già abbastanza bene il tedesco e quindi la comunicazione risultava un po’ difficile. Piano piano ho quindi cominciato a studiare e apprendere; con gli altri volontari, a scuola con i bambini e nel corso intensivo di lingua. Ma anche se con questi “limiti” già dal secondo mese la situazione è andata migliorando. Ho conosciuto nuove persone, nuovi posti, e vissuto nuove e bellissime esperienze. I bambini della scuola con il passare del tempo si sono aperti sempre di più e si è creato un vero e proprio rapporto di fratellanza e fiducia. Ogni mattina mi alzavo con il sorriso, sapendo di incontrare quelle piccole pesti che mi riempivano la giornata e che mi regalavano emozioni stupende. Credo che l’importanza di fare lo SVE stia proprio in questo, ovvero arricchirsi interiormente grazie al confronto con nuove persone, con una nuova cultura e quindi nuove ideologie. Si dice che quando una persona torna da un viaggio non è più la stessa e credo che sia stato proprio così. Personalmente infatti, credo di essere cresciuta sotto tutti i punti di vista, poiché ho capito l’importanza della comunicazione, del contatto con la gente, ma specialmente ho imparato che viaggiare è importantissimo poiché apre la mente!

Ad oggi posso dire, dopo aver concluso il mio progetto, che è stata un’esperienza meravigliosa, che solo chi lo ha vissuto come me può capire. Mi porto nel cuore ogni singolo momento vissuto con ogni persona conosciuta, i sorrisi, gli abbracci, le esperienze e tutti i piccoli lavoretti fatti con i “miei” bambini. Voglio ringraziare tutti coloro che hanno creduto in me, all’associazione Arci Strauss che mi ha permesso di intraprendere questa avventura e a tutti quelli che mi sono stati vicini in questo anno che purtroppo è già finito.

Sono queste le esperienze che cambiano la vita, e auguro a tutti i giovani che hanno voglia di “conoscere” l’Europa, di fare uno SVE che gli cambi la vita come è successo a me!

Fabiana Trupia