In ricordo di Francesca Sorce

Platea raccolta in un abbraccio di commozione, microfoni accesi, e anima in pole position.
Questo è quello che ci viene in mente se ripensiamo a lunedì 24 Ottobre. C’eravamo anche noi, quelli di Associazione Culturale Strauss, a ricordare Francesca Sorce nell’aula consiliare del Comune di Mussomeli a lei intitolata.

Francesca, assistente sociale, 18 anni fa fece il più bel regalo che si possa mai pensare di fare. Donò con naturalezza e semplicità la sua vita salvando chi non era semplicemente “materia da lavoro”, ma membro della sua grande famiglia, una famiglia costruita attraverso la sua professione.

Francesca Sorce
La frase di Schweitzer, oggi impressa sulle mura di Associazione Culturale Strauss, che Francesca amava ripetere

Anche noi di Associazione Culturale Strauss, grazie ai progetti di mobilità internazionale, facciamo parte di una famiglia che ormai da anni ha sbordato i perimetri delle nostre abitazioni, trovando casa in ogni angolo dell’Unione Europea. E così il nome di Francesca che da ormai un anno titola il nostro Centro Europeo della Cultura. Francesca corre veloce tra le strade d’Europa. E’ ai giovani che passiamo il suo messaggio, perchè con il suo esempio possano attraverso le loro azioni ed esperienze continuare ad abbellire il futuro come Francesca da giovane aveva abbellito il proprio.

Ed è a chi ancora il futuro deve costruirlo, ma non riesce più ad immaginarlo, che quest’anno Associazione Culturale Strauss, continuando a testimoniare i valori di inclusivitá e equità, ha voluto destinare una piccola somma in denaro perché come Francesca amava più volte ripetere. “Quello che tu puoi fare è solo una goccia nell’oceano, ma è ciò che dà significato alla tua vita”.

 

 

Salva

Salva

Salva